Luca Barozzi © 2017                                                                                          Cookies Policy                                    

Luca Barozzi

Tutto ebbe inizio quasi per caso… Correva l’anno 1994, avevo quasi diciassette anni. Quel   pomeriggio   stavo   consumando   le   ore   della   mia   esistenza   a   scaricare   la   mia   rabbia   a   suon   di racchettate contro il muro in cemento del campetto da tennis di Alassio. Era il secondo anno di fila che sbagliavo orientamento scolastico. Avevo   scelto   quegli   istituti,   non   tanto   per   le   materie   che   venivano   insegnate,   ma   per   non   perdere   la frequentazione   di   quegli   amici,   che   diversamente   da   me,   avevano   le   idee   piuttosto   chiare   di   cosa essere o cosa diventare da grandi. Mi   ero   appena   ritirato   da   scuola…da   una   settimana…e   avevo   trovato   lavoro   grazie   a   mia   madre   da un meccanico, a pochi metri da casa mia.
Con   quella   scelta,   credevo   di   essermi   liberato   una   volta   per   sempre   di   quelle   inospitali   aule   disincantate,   che   facevano   da   volano   alla   mia   mente,   per proiettarsi in tutti quegli altrove disordinati e incoerenti dell’adolescenza… «Mio Dio che squallore quel posto!…che discorsi inutili e volgari…ma questa è la mia vita??…No, non posso andare avanti cosi!…» Dentro di me, l’angoscia esistenziale si faceva sempre più intensa…stavo per scoppiare. A   scuola   ero   un   disastro,   ma   quell’assurdo   lavoro,   per   certi   aspetti,   mi   ridondava   nell’anima   come   aver   definitivamente   toccato   il   fondo   della   mia esistenza. «Cosi non può andare…cosa faccio adesso??… Nella vita so fare bene solo due cose : giocare a calcio e volare con la fantasia per sublimare questa misera realtà cruda e dolorosa…» Quel giorno stavo scoppiando…tiravo cosi forte la pallina da tennis contro quel muro che mi pareva di pestarlo… Il cielo era grigio e stava per piovere… Non so dirvi se faceva un gran caldo o ero io prossimo ad un’epica autocombustione… Un’angoscia latente mi soffocava l’anima… Di   lì   a   poco   mi   avrebbe   raggiunto   il   mio   migliore   amico   per   fare   una   partita   a   tennis   su   quel   piccolo   campetto,   posto   in   mezzo   ai   campi   in   terra rossa… «Cosa   sarà   della   mia   vita   adesso   che,   tra   poco…non   potrò   più   giocare   a   pallone   a   causa   di   questa   maledetta   malattia   che   ha   colpito   i   miei occhi?…cosa mi invento ora??…» Finalmente mi raggiunse Cesare, mettendo cosi fine indirettamente a quel mio muto lambiccamento esistenziale… La   nostra   partita   venne   interrotta   bruscamente   dall’arrivo   sul   campo   di   una   terza   figura   con   la   quale,   sino   a   quel   giorno,   non   avevamo   alcun rapporto confidenziale… Con una certa prepotenza ci chiese di levarci di torno, perchè lui doveva scaldarsi contro il muro per un torneo… noi, conoscendo la sua esuberanza, lasciammo fare, tanto di lì a breve se ne sarebbe andato da solo. Intanto io e Cesare, ci mettemmo a sedere sotto il pergolato che si trovava proprio a fianco del campetto…a fumare una sigaretta. Non appena ci sedemmo, si mise a piovere con una certa intensità… rimanemmo quasi incuranti dell’acqua che purificava ogni cosa, in quanto eravamo piuttosto riparati. Non arrivammo neppure a metà sigaretta che ci sentimmo chiamare a gran voce dal campetto… «Ehi ragazzi!…venite un pò qua!…venite…presto!…sta diluviando!…» Cesare ed io ci guardammo esterefatti…pur tuttavia ci liberammo della nostra reciproca titubanza e lo seguimmo. Dall’istante   stesso   in   cui   scegliemmo   di   seguire   quella   singolare   figura   all’interno   del   bar   del   tennis,   la   mia   vita,   ma   anche   quella   di   Cesare,   non   fu   mai più la stessa. Il tempo si dilatò sino a consolidarsi in un istante immortale e parallelo… le   parole   di   Michelangelo,   cosi   si   chiamava   quel   giovane,   non   le   fruimmo   come   se   fossero   argomenti   da   disquisire   in   una   piovosa   giornata   di primavera, bensì erano celesti combinazioni che spalancavano casseforti madide di tesori…fulmini dorati che sfregiavano le tenebre… Coscienza di sè, che risvegliava altre coscienze che sarebbero divenute anch’esse di sè, in un sodalizio che sapeva di primordiale… Era un’alta marea di virtù che travolgeva il letargo dell’anima… Ricordo soltanto alcune parole che mi attraversarono la mente in quella tempesta di luce concettuale. «…scrivere,   amore   per   la   letteratura,   rimanere   per   sempre   nella   storia,   immortalità   di   ciò   che   si   è   e   di   ciò   che   si   lascia…innovare   e   diventare leggenda…» Quel distillato di consapevolezza ci travolse in maniera indelebile, plasmando le nostre esistenze sino ad oggi… tutto il resto è mera cronaca episodica di fatti di vita… irrilevanza di accadimenti e di amene gestualità quotidiane disseminate sulle radure del tempo… Si…mi   sono   laureato   nel   2007   al   DAMS,   sono   nato   in   questo   o   in   quell’altro   luogo,   sono   stato   cofondatore   di   un   gruppo   musicale   che   ha   partecipato   ad un’edizione   di   Sanremo   Giovani   nel   2001,   ho   una   grave   malattia   denominata   Retinite   Pigmentosa   con   atrofia   centrale,   ho   un   lavoro   che   mi   consente   di vivere   pur   non   avendo   nulla   a   che   vedere   con   il   mio   cuore,   ho   un   diploma   di   magistrali   socio   -   psico   -   pedagogico   presso   l’istituto   Carlo   Amoretti   di Imperia, tifo per il Genoa e per il Monza, amo più di me stesso il Friuli Venezia Giulia e l’Istria… …ma che importanza ha tutto questo?… Ciò che conta davvero, è aver avuto il sommo privilegio di comprendere cosa si è, per poi esserlo e di conseguenza prodigarsi a farlo… …il resto è polvere…insignificanza…non vita……
Privacy Policy
Luca Barozzi © 2017
Tutto ebbe inizio quasi per caso… Correva    l’anno    1994,    avevo    quasi    diciassette anni. Quel   pomeriggio   stavo   consumando   le   ore   della mia   esistenza   a   scaricare   la   mia   rabbia   a   suon di    racchettate    contro    il    muro    in    cemento    del campetto da tennis di Alassio. Era     il     secondo     anno     di     fila     che     sbagliavo orientamento scolastico. Avevo    scelto    quegli    istituti,    non    tanto    per    le materie    che    venivano    insegnate,    ma    per    non perdere   la   frequentazione   di   quegli   amici,   che diversamente   da   me,   avevano   le   idee   piuttosto chiare di cosa essere o cosa diventare da grandi. Mi     ero     appena     ritirato     da     scuola…da     una settimana…e   avevo   trovato   lavoro   grazie   a   mia madre   da   un   meccanico,   a   pochi   metri   da   casa mia.
Con   quella   scelta,   credevo   di   essermi   liberato una   volta   per   sempre   di   quelle   inospitali   aule disincantate,   che   facevano   da   volano   alla   mia mente,   per   proiettarsi   in   tutti   quegli   altrove disordinati e incoerenti dell’adolescenza… «Mio     Dio     che     squallore     quel     posto!…che discorsi   inutili   e   volgari…ma   questa   è   la   mia vita??…No, non posso andare avanti cosi!…» Dentro   di   me,   l’angoscia   esistenziale   si   faceva sempre più intensa…stavo per scoppiare. A   scuola   ero   un   disastro,   ma   quell’assurdo lavoro,     per     certi     aspetti,     mi     ridondava nell’anima   come   aver   definitivamente   toccato il fondo della mia esistenza. «Cosi non può andare…cosa faccio adesso?… Nella   vita   so   fare   bene   solo   due   cose   :   giocare a     calcio     e     volare     con     la     fantasia     per sublimare     questa     misera     realtà     cruda     e dolorosa…» Quel    giorno    stavo    scoppiando…tiravo    cosi forte   la   pallina   da   tennis   contro   quel   muro che mi pareva di pestarlo… Il cielo era grigio e stava per piovere… Non   so   dirvi   se   faceva   un   gran   caldo   o   ero   io prossimo ad un’epica autocombustione… Un’angoscia latente mi soffocava l’anima… Di    lì    a    poco    mi    avrebbe    raggiunto    il    mio migliore   amico   per   fare   una   partita   a   tennis su   quel   piccolo   campetto,   posto   in   mezzo   ai campi in terra rossa… «Cosa    sarà    della    mia    vita    adesso    che,    tra poco…non    potrò    più    giocare    a    pallone    a causa    di    questa    maledetta    malattia    che    ha colpito     i     miei     occhi?…cosa     mi     invento ora??…» Finalmente    mi    raggiunse    Cesare,    mettendo cosi    fine    indirettamente    a    quel    mio    muto lambiccamento esistenziale… La        nostra        partita        venne        interrotta bruscamente    dall’arrivo    sul    campo    di    una terza   figura   con   la   quale,   sino   a   quel   giorno, non avevamo alcun rapporto confidenziale… Con   una   certa   prepotenza   ci   chiese   di   levarci di   torno,   perchè   lui   doveva   scaldarsi   contro   il muro per un torneo… noi,       conoscendo       la       sua       esuberanza, lasciammo    fare,    tanto    di    lì    a    breve    se    ne sarebbe andato da solo. Intanto   io   e   Cesare,   ci   mettemmo   a   sedere sotto   il   pergolato   che   si   trovava   proprio   a fianco del campetto…a fumare una sigaretta. Non   appena   ci   sedemmo,   si   mise   a   piovere con una certa intensità… rimanemmo    quasi    incuranti    dell’acqua    che purificava    ogni    cosa,    in    quanto    eravamo piuttosto riparati. Non    arrivammo    neppure    a    metà    sigaretta che   ci   sentimmo   chiamare   a   gran   voce   dal campetto… «Ehi ragazzi!…venite un pò qua!… venite…presto!…sta diluviando!…» Cesare   ed   io   ci   guardammo   esterefatti…pur tuttavia   ci   liberammo   della   nostra   reciproca titubanza e lo seguimmo. Dall’istante     stesso     in     cui     scegliemmo     di seguire   quella   singolare   figura   all’interno   del bar   del   tennis,   la   mia   vita,   ma   anche   quella   di Cesare, non fu mai più la stessa. Il   tempo   si   dilatò   sino   a   consolidarsi   in   un istante immortale e parallelo… le   parole   di   Michelangelo,   cosi   si   chiamava quel   giovane,   non   le   fruimmo   come   se   fossero argomenti     da     disquisire     in     una     piovosa giornata    di    primavera,    bensì    erano    celesti combinazioni    che    spalancavano    casseforti madide       di       tesori…fulmini       dorati       che sfregiavano le tenebre… Coscienza di sè, che risvegliava altre coscienze che sarebbero divenute anch’esse di sè, in un sodalizio che sapeva di primordiale… Era   un’alta   marea   di   virtù   che   travolgeva   il letargo dell’anima… Ricordo     soltanto     alcune     parole     che     mi attraversarono   la   mente   in   quella   tempesta di luce concettuale. «…scrivere,      amore      per      la      letteratura, rimanere        per        sempre        nella        storia, immortalità    di    ciò    che    si    è    e    di    ciò    che    si lascia…innovare e diventare leggenda…» Quel   distillato   di   consapevolezza   ci   travolse in    maniera    indelebile,    plasmando    le    nostre esistenze sino ad oggi… tutto    il    resto    è    mera    cronaca    episodica    di fatti di vita… irrilevanza     di     accadimenti     e     di     amene gestualità       quotidiane       disseminate       sulle radure del tempo… Si…mi   sono   laureato   nel   2007   al   DAMS,   sono nato    in    questo    o    in    quell’altro    luogo,    sono stato   cofondatore   di   un   gruppo   musicale   che ha    partecipato    ad    un’edizione    di    Sanremo Giovani    nel    2001,    ho    una    grave    malattia denominata   Retinite   Pigmentosa   con   atrofia centrale,    ho    un    lavoro    che    mi    consente    di vivere   pur   non   avendo   nulla   a   che   vedere   con il    mio    cuore,    ho    un    diploma    di    magistrali socio    -    psico    -    pedagogico    presso    l’istituto Carlo   Amoretti   di   Imperia,   tifo   per   il   Genoa   e per   il   Monza,   amo   più   di   me   stesso   il   Friuli Venezia Giulia e l’Istria… …ma che importanza ha tutto questo?… Ciò   che   conta   davvero,   è   aver   avuto   il   sommo privilegio   di   comprendere   cosa   si   è,   per   poi esserlo e di conseguenza prodigarsi a farlo… …il      resto      è      polvere…insignificanza…non vita……
Privacy Policy
Privacy Policy

Luca Barozzi